Stufa a pellet: 3 motivi per sceglierla!

Qualche tempo fa, ci siamo occupati di esplorare tutti i buoni motivi per i quali è consigliabile passare al pellet: si tratta di un combustibile ecologico, piuttosto economico, semplice da trasportare e decisamente salvaspazio, in confronto alle dimensioni della legna da ardere o delle bombole di gas.

Ma quali sono, invece, le ragioni per le quali scegliere proprio una stufa a pellet? Il fatto che sia pensata per bruciare questa biomassa è sufficiente per decretarla la migliore opzione del mercato?

#1. Facilità d’uso

Quando si parla di riscaldamento indoor, la prima cosa a cui si pensa, in generale, sono le varianti centralizzate offerte dai condomini e dagli appartamenti cittadini. E per le case indipendenti, quelle di campagna o al mare?

Chi predilige uno stile più vintage, sicuramente avrà esperienza con caminetti e altri tipi di riscaldamento a legna: bellissimi da vedere, creano al primo sguardo l’atmosfera giusta; ma quanta fatica per accendere il fuoco!

Le stufe a pellet cercano di coniugare la comodità della città con l’ecologicità e l’impatto estetico tipici di ambienti più country: non c’è bisogno di accendino o di fiammifero, il tutto si aziona con un tasto ON/OFF!

Inoltre, la tecnologia fa di anno in anno passi da gigante e, oggi, sono disponibili molte stufe programmabili addirittura a distanza, sia in temperatura che in tempi di attività, che consentono di vivere i propri spazi familiari – o, perché no, d’ufficio – in completa armonia e sicurezza, personalizzando tutto a seconda delle proprie esigenze.

Inoltre, come abbiamo visto, la manutenzione di un dispositivo come questo non è invasiva a livello quotidiano: basta tenere pulito il braciere, per evitare problemi di clinker dovuti all’accumulo di residui e polveri, ed il vetro, per mantenere un aspetto esteticamente impeccabile; per tutto il resto sono previsti semplici controlli ed appuntamenti annuali o semestrali!

 #2. Pulizia

Altro aspetto da non sottovalutare minimamente è quello della pulizia: il fatto che i pellet brucino in un vano chiuso ermeticamente implica l’assenza di polveri – che, altrimenti, potrebbero cominciare ad aggirarsi per le varie stanze della casa – e di antipatici fumi. La stufa a pellet è un dispositivo “pulito” su tutti i fronti, che fa il suo lavoro in maniera silenziosa, esteticamente ed igienicamente impeccabile. E non è poco!

#3. Design

Infine, come non considerare la questione design.

Il mercato è in grado di proporre al pubblico tantissime tipologie di stufe diverse, sia per performance che per funzioni e stile: ci sono “sagome” più indicate per un arredamento moderno ed altre create appositamente per ricordarci le stufe a legna delle nostre nonne, che strizzano l’occhio al vintage e al retrò, anche se completamente attuali e tecnologicamente avanzate.

Insomma, riscaldarsi in maniera ecologica, piuttosto economica e conveniente si può, senza nemmeno rovinare l’armonia delle proprie camere: basta fare le valutazioni giuste ed investire sul dispositivo più appropriato per le proprie esigenze!

Lascia un commento