Maxitruffa con il pellet: società multata per 100mila euro

Comprare online è, oramai, sicuro e scevro da ogni tipo di rischio.

Eppure, oggi si verificano ancora le condizioni ideali per mettere in piedi delle maxitruffe, approfittando soprattutto di chi non ha esperienza nel campo e di coloro che sono nuovi a questo tipo di pratica; un’evidenza, purtroppo, può ritrovarsi in tutti i settori.

Lo sa bene l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che, proprio in questi giorni, ha multato una società italiana per aver truffato una serie infinita di utenti con una sanzione amministrativa di ben 100mila euro.

Ma cosa è successo, di preciso?

Una mobilitazione di massa

A Novembre 2018 è scoppiato un caso di portata nazionale con la denuncia, da parte di decine di consumatori, riguardo la mancata consegna del pellet acquistato presso una società (la Ca.Ox Srl, come riportano i quotidiani) che vantava diversi punti vendita dislocati sul territorio, con base nel Lazio ed un portale online (docpellet).

Il problema era che, come nel peggiore degli incubi, sebbene la merce venisse regolarmente pagata, non arrivava mai a destinazione, tanto da spingere i cittadini a rivolgersi non solo all’Associazione Codici (associazione nazionale di volontariato per la difesa dei consumatori attiva nel campo dell’usura, della sanità e della legalità), che si occupò di segnalare tutto, a sua volta, all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) – che si è avvalsa dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni per emettere il verdetto prima anticipato -, ma anche a redazioni di programmi televisivi per permettere alla notizia di circolare più velocemente, gridando allo scandalo e mettendo in guardia possibili ulteriori acquirenti: molte email sono state spedite a “Le iene“, “Striscia la notizia” e “Mi manda Rai 3“.

Ed è stato grazie a questo movimento compatto che l’Antitrust ha potuto infliggere all’azienda coinvolta una sanzione amministrativa di 100mila euro per pratica commerciale scorretta, visto che la Ca.Ox Srl millantava la presenza di merce immediatamente disponibile ai suoi consumatori, mentendo anche sui tempi di consegna (molti dei quali si sono rivelati, per la verità, realmente infiniti, lasciando i clienti a bocca asciutta).

Una prima, importante vittoria per i consumatori – ha affermato il Segretario Nazionale dell’Associazione Codici, Ivano Giacomelli(…) con la mancata consegna dei prodotti, la Ca.Ox Srl ha anche ostacolato l’esercizio da parte dei consumatori dei diritti derivanti dal rapporto contrattuale. Non è stato dato riscontro alle richieste di recesso né a quelle di risoluzione del contratto e di restituzione del prezzo pagato, nonostante i numerosi solleciti. Siamo soddisfatti del provvedimento adottato dall’Antitrust, ma invitiamo i consumatori a non abbassare la guardia, in quanto la vicenda non è ancora conclusa e non solo perché andrà in tribunale. Come appurato dall’Agcm, gli ordini di pellet inevasi a causa di imprecise ragioni risalgono all’agosto 2018, quindi prima che il caso scoppiasse, e la pratica commerciale scorretta è tuttora in corso, visto che l’azienda non ha dato riscontro ai reclami dei clienti, tra l’altro non rispondendo nemmeno all’Autorità. Continueremo a vigilare su questa storia, pronti a fare la nostra parte anche in tribunale”.

Resta, quindi, per il momento, una vicenda ancora fumosa i cui particolari verranno discussi in tribunale.

Intanto, il sito internet appare ancora attivo e nulla, riguardo all’attività, è stato smantellato.

Quello che è importante raccomandare, quindi, è di affidarsi sempre ad aziende certificate e correlate da un buon feedback, che possano offrire delle garanzie e, soprattutto, che siano in grado di fornire agli utenti un’esperienza di acquisto positiva, avendo cura di offrire tutte le informazioni necessarie prima di ricevere qualunque ordine.

D’altro canto, abbiamo già appurato che anche la qualità del pellet che si brucia nelle proprie stufe è fondamentale ai fini di salute ed emissioni: meglio accertarsi sempre anche di tutte le certificazioni necessarie!

Lascia un commento