Come pulire il vetro della stufa a pellet

Una stufa a pellet è un elettrodomestico in grado di durare a lungo e sempre al massimo delle proprie performance, a patto di eseguire una regolare manutenzione che, ovviamente, include anche interventi di pulizia che evitano l’accumulo di polveri e l’insorgenza di problemi fastidiosi (come il clinker).

È indubbio, però, che un aspetto sempre accattivante del dispositivo passi anche da un vetro perfettamente trasparente e deterso: ma come operare in questa specifica zona?

Qualche consiglio fai-da-te

Un vetro sporco non è esattamente il massimo da mostrare agli ospiti: le stufe moderne sono dispositivi di design raffinato, che riescono a contestualizzarsi anche all’interno di saloni eleganti, motivo per il quale è ancora più importante tenerle sempre pulite e scintillanti, a monte dei vantaggi già esplorati in quanto a funzionamento e longevità.

Assodato, quindi, che la canna fumaria vada pulita a scadenze regolari annuali e che bisogna usare sempre del pellet di qualità, in modo che i residui in accumulo nel braciere (e sul vetro) siano sempre al minimo possibile, è ovvio considerare che il vetro che separa il combustibile dall’ambiente circostante sia la parte da detergere più spesso dell’intero apparecchio.

Ecco, quindi, qualche istruzione utile per procedere in tutta autonomia.

Se si vuole evitare di comprare prodotti specializzati (facilmente reperibili, anche online), si può procedere con giornali vecchi ed appallottolati, esattamente come si fa per le vetrate di casa o con i finestrini dell’auto: basterà inumidirli in un po’ d’acqua e farvici attaccare un po’ di cenere ed il gioco è fatto! Una volta portata via tutta la sporcizia, poi, si può asciugare tutto con altri giornali puliti ed il risultato sarà sorprendente!

In caso di cattivi odori si può anche utilizzare dell’aceto da cucina: pratico ed economico, infatti, aiuta nella detersione e nell’assorbimento di odore di fumo sgradevole ma, in questo caso, bisogna agire con il vetro tiepido, in modo che lo sporco vada asportato con maggior intensità; anche in questo caso, si può procedere con della carta di giornale o con un panno umido, asciugando, infine, per ottenere un risultato perfetto e durevole nel tempo.

Lascia un commento